Il sistema Shakleton

Il sistema SHAKLETON Safe & Esthetic Implants è l’unico sistema progettato per prevedere, rispetto alle possibilità tradizionalmente offerte, due possibilità di scelta ulteriori sia nella parte chirurgica che nella parte protesica.

Parte chirurgica

SHAKLETON Safe & Esthetic Implants è articolato in modo da offrire non solo la tradizionale gamma di diametri e lunghezze dell’impianto relativamente al sito ricevente e alla quantità d’osso residua, ma offre anche l’innovativa possibilità di scelta tra impianti disegnati per zone ad alta o bassa valenza estetica.

Sono previste infatti tre tipi di fixture:

  • SK1: è un impianto indicato nei settori posteriori (premolari e molari), adatto a ogni tipo di riabilitazione protesica.
  • SK2 Esthetic: presenta una nuova morfologia in grado di ricreare spontanemante le papille vestibolari. È indicato nel settore frontale superiore da premolare a premolare.
  • SK3: è un impianto con una nuova morfologia (Platform Switch): per la sua forma trova indicazioni ideali nelle tecniche rigenerative in ambiente sommerso.

Parte protesica

Nella componentistica protesica il sistema SHAKLETON Safe & Esthetic Implants offre al clinico ogni possibilità di scelta per la protesi da lui progettata. In particolare è l’unica azienda ad offrire l’opportunità di scelta tra l’impiego del Sistema SAFE o una protesi cementata di tipo tradizionale.

Il Sistema SAFE è l’unico che permette, nello stesso tempo, di cementare la protesi con un cemento definitivo (garantendo il sigillo antibatterico) e di avvitarla (consentendo in caso di bisogno una facile rimozione). Safe si avvale di una speciale cappetta cerabile da fusione che crea un’intercapedine vuota tra la superficie interna del cilindro e la superficie esterna del pilastro. Questa tecnologia consente al cemento definitivo di essere ritenuto solo nell’intercapedine stessa senza espandersi sul pilastro. La ritenzione della corona è garantita mediante una vite di fissaggio.

Nel caso occorra rimuovere il manufatto protesico, una volta rimossa la vite di fissaggio, la minima ritenzione data dal cemento solo sul sigillo marginale permette un’agevole rimozione. L’impiego del sistema SAFE, in alternativa alla cementazione tradizionale, è altamente raccomandato nei siti dove esista un’alta possibilità di dover rimuovere la protesi e pertanto si voglia evitare di danneggiarla.

Qualora il clinico preferisca adottare una protesi secondo le metodiche tradizionali, SHAKLETON offre una gamma completa di pilastri per gli impianti SK1, SK2 Esthetic, SK3. Per dettagli sulla metodica chirurgica degli impianti SK1, SK2 Esthetic, SK3 e sulla metodica protesica sia tradizionale che sul sistema SAFE si faccia riferimento ai rispettivi protocolli disponibili a richiesta.

Filtri

Categorie

Rimuovi tutti i filtri